Capita a tutti di sbagliare ad inviare un messaggio su Whatsapp. Ma ad un ristoratore di Gualtieri, piccolo comune in provincia di Reggio Emilia, l’errore è costato l’arresto. Il 50enne era un insospettabile ristoratore con una seconda vita da spacciatore. “La coca è pura” ha scritto a un suo cliente per rassicurarlo sulla qualità della droga che gli avrebbe venduto. Una informazione più che chiara che, per un errore nel salvare il numero del cliente, è arrivata ad un carabiniere che ha organizzato il suo arresto.

L’uomo è stato bloccato nella notte in un’area di sosta sulla strada Provinciale 63 mentre era in compagnia di un giovane. Sulla sua auto sono stati trovati 1645 euro in contanti e, nascoste un una bomboletta spray e in una lattina modificata con del gesso, gli investigatori hanno trovato diverse dosi di hashish e cocaina. Il ristoratore è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Durante una perquisizione domiciliare, sono stati trovati poi trovati altri 250 grammi di sostanze. Tutta la droga è stata sequestrata insieme ai contanti, a due bilancini di precisione e al materiale per il confezionamento e l’agenda che faceva da registro dei clienti e delle dosi vendute.

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, mozione in consiglio comunale: “Spazi pubblici solo a chi sottoscrive un documento sui valori antifascisti”

next
Articolo Successivo

Biotestamento, Avvenire riprende l’ex allievo di don Milani malato di Sla: ‘Legge sbagliata, così rischi di far male ad altri’

next