Per ottenere spazi pubblici, locali o sale del comune di Milano bisognerà sottoscrivere un documento sui valori antifascisti. È questo il contenuto di una mozione che lunedì verrà presentata in consiglio comunale a Milano con la quale si chiederà al sindaco Giuseppe Sala e alla sua giunta di impegnarsi per cambiare i regolamenti. La proposta è stata avanzata dai consiglieri di Insieme X Milano, David Gentili e Anita Pirovano. E la maggioranza, ma non solo, la voterà in maniera compatta.

Nella mozione – una simile è recentemente stata approvata a Torino – si legge che quanti hanno comportamenti “fascisti, razzisti, omofobi, transfobici e sessisti” non possono avere in concessione per eventi e manifestazioni luoghi pubblici del Comune e delle sue partecipate. L’approvazione comporterebbe, ad esempio, il probabile stop alla commemorazione dello studente Sergio Ramelli, del consigliere provinciale Enrico Pedenovi e del gerarca Carlo Borsani che vede ogni anno centinaia di esponenti dell’estrema destra radunarsi – facendo saluti romani e chiamando il “presente” – nelle strade in cui il fiduciario del Fronte della gioventù fu aggredito nel marzo 1975 morendo dopo 43 giorni di agonia. Lo scorso anno, in quell’occasione, i neofascisti fecero anche un blitz al Campo X del cimitero Maggiore, dove sono seppelliti i repubblichini, dopo che era stato negato il raduno nel giorno della Liberazione.

A rischio – come segnala l’edizione milanese di Repubblica – c’è anche la concessione all’Associazione nazionale combattenti della Rsi dello spazio comunale che è stato adibito a sede o, come spiega Gentili su Facebook, il caso di ‘via Palmieri 1’, dove sarebbe stata aperta una sorta di sede di Forza Nuova grazie a un’associazione fittizia. “La sfida – sottolinea il consigliere comunale – è lanciata a Regione Lombardia. Per esempio via Palmieri 1. Si può interrompere il vergognoso spettacolo che vede protagonisti ogni 25 aprile quei fascisti che utilizzano gli spazi pubblici gestiti da Aler?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Livorno, trovata auto piena di esplosivo: all’interno detonatori e telecomando. Procura: “Non è terrorismo né eversione”

next
Articolo Successivo

Reggio Emilia, ristoratore-spacciatore sbaglia destinatario del messaggio e scrive al carabiniere: “La coca è pura”

next