Le accuse sono di tentata concussione e voto di scambio. La notifica dell’avviso conclusa indagine è avvenuta il 10 novembre. L’indagato è un nome importante del Pd campano e nazionale, il sottosegretario alle Infrastrutture Umberto Del Basso De Caro. Indaga la procura di Benevento guidata da Aldo Policastro, gli avvisi sono firmati dal procuratore aggiunto Giovanni Conzo e dal sostituto Francesca Saccone.

La vicenda risale al 2013, nei mesi immediatamente precedenti alle elezioni politiche, e fu rivelata nel novembre 2015 in esclusiva dal Fatto Quotidiano. Alcuni articoli di Marco Lillo rivelarono le presunte pressioni di De Caro (all’epoca capogruppo Pd in Regione Campania) sull’allora direttore generale dell’ospedale Rummo, Nicola Boccalone, già vicesindaco di Benevento in quota An, per rimuovere dirigenti ritenuti ostili alla compagna del sottosegretario, l’avvocato Ida Ferraro, dirigente del Rummo, anche lei indagata ma per la sola ipotesi di voto di scambio.

Il Fatto raccontò anche il tentativo da parte di Ferraro di far accettare a Del Basso De Caro la proposta di una tale ‘Rita’ che chiedeva un piacere in ambito lavorativo in cambio di un pacchetto di voti. Presunti pressioni e corruzioni elettorali fondavano nell’ascolto di alcune telefonate pubblicate dal nostro giornale. Del Basso De Caro infatti fu intercettato indirettamente – senza essere indagato, per reati commessi da terzi – nell’ambito di un’inchiesta condotta dalla Squadra Mobile di Benevento sull’amministrazione dei servizi sociali del Comune di Benevento.

Le telefonate furono allegate agli atti e confluirono nel fascicolo relativo a quattro indagati poi rinviati a giudizio. La Mobile ascoltò le telefonate di De Caro – in quel momento candidato in pectore del Pd alle politiche dopo aver vinto le parlamentarie natalizie del 2012 – fino alla sua proclamazione a deputato. Momento in cui le intercettazioni dovettero necessariamente essere interrotte. Difeso dall’avvocato Marcello D’Auria, De Caro ha ora venti giorni di tempo per presentare memorie o comunicare la disponibilità a rendere un interrogatorio ai pm. Solo in seguito la Procura potrà decidere se chiederne il rinvio a giudizio o l’archiviazione.

“Ho ricevuto un’informazione di garanzia relativa ad un unico episodio verificatosi cinque anni or sono – afferma in una nota Del Basso De Caro – la condotta contestatami è riferita esclusivamente ad un’intercettazione telefonica di conversazione intervenuta tra me e l’allora Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Benevento. Era il mattino del 27 febbraio del 2013 e, da poche ore, avevo appreso di essere stato eletto deputato al Parlamento. La trascrizione di quell’unica conversazione veniva ampiamente divulgata ed integralmente riportata sui quotidiani nazionali.
In questo enorme arco temporale non sono mai stato sentito né sottoposto ad interrogatorio. Oggi, a fine legislatura, la questione si ripropone come “un fiume carsico”. Conservo, intatta, la mia serenità nella certezza di poter dimostrare la mia assoluta estraneità a qualsiasi ipotesi di reato ipotizzata a mio carico, seppure nella forma del tentativo. Rinnovo, senza alcun esercizio di ipocrisia, il mio profondo rispetto per l’operato della Magistratura inquirente alla quale chiederò, come è mio diritto, di essere finalmente posto nella condizione di chiarire la mia posizione”.