Da tempo penso, ed ho scritto dalle righe di questo mio spazio, che i farmaci per la terapia cronica potrebbero essere direttamente consegnati a domicilio dallo Stato, o per accordo Stato-Regioni da esse, con un risparmio enorme di soldi pubblici. La garanzia del controllo della terapia potrebbe combinarsi con History Health che bloccherebbe direttamente l’approvvigionamento se non ci si sottopone a controllo medico periodico ad esempio nei casi di diabete o ipertensione.

Già da tempo è possibile, come ho spiegato, avere prodotti da banco con sconti del 30% sul prezzo finale, come nel caso delle lacrime artificiali, che le aziende possono consegnare a domicilio del cittadino senza alcun aggravio d spese di spedizione. Lo Stato, quindi noi cittadini, potremmo risparmiare le stesse cifre percentuali di soldi pubblici?

La strada, che dico di percorrere da tempo, parrebbe che possa presto diventare realtà negli Stati Uniti dove Amazon ha chiesto l’autorizzazione alla vendita di farmaci. Probabilmente verranno utilizzati sistemi di consegna innovativi: droni al servizio della salute, come viene sperimentato in altri ambiti, con risparmio senza spesa.

 

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano zona 4, dove i parcheggi diventano orinatoi

next
Articolo Successivo

Appendere le gambe al chiodo non è facile. Io provo a riderci su

next