Un sistema di minacce, violenze e intimidazioni tra detenuti del carcere bolognese della Dozza e una vera e propria gerarchia criminale tra i detenuti. Otto persone sono state state arrestate nell’ambito dell’indagine “Reticolo”, filone del maxi-processo per ‘ndrangheta Aemilia in corso in questi mesi a Reggio Emilia. L’ordinanza di custodia cautelare è stata eseguita, su richiesta della Dda dai carabinieri del Ros e dei comandi di Bologna, Modena e Reggio Emilia. Quattro rispondono di violenza privata e lesioni aggravate dalle modalità mafiose e altri quattro, tra cui due agenti di polizia penitenziaria, di detenzione di stupefacenti. Gianluigi Sarcone e Sergio Bolognino, imputati nel processo Aemilia e fratelli di due figure apicali della cosca emiliana, sono accusati di essere i mandanti di un pestaggio ai danni di un detenuto nella sezione Alta sicurezza, punito perché irrispettoso e refrattario alle disposizioni imposte, a dimostrazione, per gli investigatori, della supremazia riconosciuta agli ‘ndranghetisti da parte di detenuti legati alla Camorra.

Le indagini, supportate da intercettazioni e pedinamenti, sono state rafforzate dalla dichiarazioni di un collaboratore di giustizia. Sarcone e Bolognino, già arrestati a gennaio 2015, si sarebbero avvalsi “della forza di intimidazione derivante dall’appartenenza alla ‘ndrangheta”, imponendo agli altri detenuti la loro autorità e obbligandoli “a sottostare, con minacce e violenze, alle loro ‘regole’ di convivenza. Esecutori materiali del pestaggio sarebbero due detenuti campani. A margine di questi accertamenti, è emerso che alcuni agenti della polizia penitenziaria avevano allacciato una rete di rapporti illeciti con i detenuti, ai quali veniva consentito di consumare droga. Oltre ai due arrestati, ai domiciliari, ci sarebbero altri due agenti denunciati a piede libero: l’accusa è di aver ceduto cocaina e marijuana, in concorso con detenuti ed ex detenuti, anche all’interno del carcere. I militari in mattinata hanno anche fatto perquisizioni personali e domiciliari

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palermo, 17 arresti: decapitato il clan di Borgo Vecchio. I commercianti avevano denunciato di pagare il pizzo

next
Articolo Successivo

Mafia, la Cassazione annulla un’altra assoluzione da 416 bis e cita processo Mondo di mezzo

next