Non c’è solo la produttrice Emanuela Cavazzini a difendere Giuseppe Tornatore. Dopo le accuse di molestie ricevute da Miriana Trevisan, il regista premio Oscar viene difeso dalle attrici che hanno lavorato con lui. Dopo l’esplosione del caso Weinstein è la prima volta in cui l’accusato è difeso così apertamente da altre star. “È impensabile che abbia assalito qualcuna – ha dichiarato Margherita Buy a Il Messaggero – Non può essere un molestatore, è uno dei più grandi gentiluomini con cui abbia mai lavorato”. Pensiero condiviso anche da Margareth Madè, protagonista di Baària (14 candidature ai David di Donatello del 2010): “È un professionista, un maestro, un grande uomo”. Assieme alla Madè sul set di Baària c’era anche Laura Chiatti: “È un vero signore, con me è stato ineccepibile, chiedendomi di partecipare a uno dei suoi film migliori, mi ha fatto un grande onore”.

Se Monica Bellucci, protagonista nel film Malèna di Tornatore, non ha ancora rilasciato dichiarazioni (ma ha fatto sapere che produrrà una nota nei prossimi giorni), chi ha preso posizione è Claudia Gerini, che con il regista ha recitato nel film La Sconosciuta: “Ho solo ricordi piacevolissimi dell’esperienza con Tornatore. Si è comportato come un gentiluomo d’altri tempi”. La Gerini ha poi commentato l’ondata di denunce per molestie degli ultimi giorni: “È giusto che le violenze sessuali vengano denunciate e punite, ma non lo è cavalcare l’aria del tempo solo per far parlare di sé”. Secondo Ksenia Rappoport ci sarebbe anche di più: “Non vorrei che esplodesse la moda di denunciare dei professionisti seri solo per giustificare il fallimento della propria carriera”.