“Sono molto contento di essere qui e soprattutto sono molto contento perché vedo tutti quanti questi bambini che credo si stiano preparando per la prima comunione”. A parlare è il candidato dem alle regionali siciliane Fabrizio Micari, che ha preso la parola al termine della messa nella chiesa di Santa Maria delle Grazie, in corso dei Mille a Palermo. Accanto al suo sponsor principale, Leoluca Orlando, ha ricevuto il microfono dal parroco e si è rivolto ai fedeli. Che hanno fotografato e registrato l’insolito siparietto. E sui social è scattata la polemica. “Ammetto la mia leggerezza”, si è poi scusato padre Ugo Di Marzo, rassicurando anche il vescovo Lorefice. In realtà, ha poi spiegato il parroco, Orlando e Micari erano attesi per una visita riguardante “una permuta di spazi per la parrocchia da parte di Eni”, riporta il Corriere. Vicenda alla quale si era interessata l’università sotto la reggenza dell’ormai ex magnifico rettore Micari. Del buon esito delle trattative e del progetto avrebbe dovuto parlare il candidato, invitato da padre Di Marzo a ragguagliare i parrocchiani “in qualità di rettore”. Micari conferma, parlando di una semplice visita mentre Orlando ribatte alle polemiche spiegando che “non c’è nessuno scandalo, solo una breve comunicazione”. Parole che non hanno frenato le polemiche, partite dai social network dove foto e video sono comparsi a stretto giro. Critiche dalle fila del candidato di Mdp-Si Claudio Fava, con la candidata Sonia Spallitta. Ma soprattutto dai cinquestelle, che tra i banchi avevano alcuni elettori: “Purtroppo i fedeli hanno risposto con un caloroso applauso”, riporta uno di loro su Facebook, e aggiunge: “Non sono andato via per rispetto del Signore”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Magni, maglia rosa e camicia nera. A Prato proposta per intitolargli una strada. Ma l’Anpi dice no: “Fu tra i repubblichini”

prev
Articolo Successivo

Sicilia, Fassino si batte “per vincere”. Al Fatto: “Profezie? Non dite sciocchezze, già Grillo…”. Ma c’è il lapsus

next