Chissà se avrebbe potuto fermare la follia omicida di Stephen Paddock, il 64 enne che lo scorso 2 ottobre a Las Vegas ha aperto il fuoco sulla folla durante un concerto uccidendo 58 persone. Si chiama Hfl-Cs (hostile file locator-counter sniper), ma dietro alla sigla burocratica si cela una nuova invenzione tecnologica che potrebbe rivoluzionare il settore dell’antiterrorismo: l’azienda pisana Ingegneria dei Sistemi infatti ha realizzato un sistema radar anti-cecchino che permette in meno di un secondo (precisamente 3 millisecondi) di individuare l’origine e la traiettoria dei proiettili di un’arma da fuoco. Qualunque sia il calibro – piccolo, medio o grande – e anche se dotata di silenziatore. Questo nuovo strumento, all’avanguardia nell’ambito internazionale, potrebbe diventare presto un nuovo asset per le nostre forze armate in grado di difendere i cittadini da possibili attacchi durante le manifestazioni pubbliche, i concerti e altri grandi eventi.

Oggi le tecnologie esistenti permettono di individuare la provenienza e la traiettoria di proiettili attraverso i segnali acustici che spesso però possono subire delle interferenze ambientali, anche legate a condizioni metereologiche avverse. La nuova tecnologia radar realizzata dall’azienda pisana supera invece questo problema arrivando ad individuare le armi da fuoco e i cecchini nel giro di un secondo e può essere posta sia su un dispositivo fisso che mobile, molto utile proprio durante i grandi eventi pubblici. Inoltre la peculiarità di questa tecnologia riguarda proprio l’oggetto da individuare: se normalmente viene usato per le navi o gli aerei, questo radar riesce a captare un proiettile di dimensioni molto piccole.

“Sicuramente questa nuova tecnologia può rappresentare una svolta nell’ambito della lotta al terrorismo – spiega a IlFattoQuotidiano.it Enrico Remiddi, capo del settore sicurezza e difesa di Ids – il radar è in grado di individuare più terroristi in contemporanea anche a un chilometro di distanza e distinguere il fuoco amico da quello nemico. Nel caso della strage di Las Vegas probabilmente la prima vittima avrebbe comunque fatto una tragica fine, la seconda non è detto, mentre l’omicida sarebbe stato sicuramente fermato prima della terza”. Ci sono voluti circa 10 anni di ricerca per arrivare a questa tecnologia – la stessa che ha prodotto il radar anti-mortaio e quello anti-drone – e, oltre ai finanziamenti privati, ha potuto usufruire del sostegno economico del piano nazionale di ricerca militare. Dopo vari test sul campo, adesso lo strumento è pronto per l’uso e potrebbe andare presto in dote alle forze armate italiane.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nokia 6: ottima qualità costruttiva e buon design. Ma fa poco per distinguersi dai concorrenti

next
Articolo Successivo

eSports alle Olimpiadi, pro e contro di considerarli uno sport

next