Sono la “comunità di Avanguardia“, quello che resta della disciolta Avanguardia Nazionale, fondata da Stefano delle Chiaie e disciolta formalmente nel 1976, e questa mattina si sono recati al cimitero del Verano, a Roma, per “commemorare i Martiri della Rivoluzione Fascista del 1922” alla Cappella a loro dedicata.

Una processione ha portato, intorno all’ora di pranzo, una corona di fiori con una runa rossa – simbolo dell’organizzazione politica – in mezzo al dispiegamento di forze di polizia e di telecamere. In mattinata, alcune persone sono state portate dal piazzale antistante il cimitero del Verano in Questura per il fermo e l’identificazione.

Per l’iniziativa, rilanciata sui social e su alcuni siti come fascinazione.info, fino a ieri sera la Questura di Roma spiegava che non era arrivata alcuna richiesta.