Non fa male ogni tanto, in mezzo a tante vetture di marche estere in dotazione alle nostre forze dell’ordine, trovarne anche qualcuna italiana. E’ il caso della Fiat Tipo, il cui primo di 500 esemplari destinati ai Carabinieri è stato consegnato al Comando Generale dell’Arma. Rinnovando così un connubio, ultimamente meno assiduo, che con i marchi di casa nostra dura comunque dagli anni ’50, quando le “gazzelle” erano Fiat, Alfa Romeo e Lancia.

La nuova flotta di Tipo “indosserà” la livrea blu istituzionale e sarà destinata ai controlli sul territorio, dunque impiegata dal personale in servizio presso le Tenenze e le Stazioni dei Carabinieri.

Si tratta di modelli a cinque porte spinti dal 1.3 Multijet turbodiesel da 95 cavalli, abbasanza parco nei consumi. Ovviamente, poi, le vetture sono state allestite in base alle esigenze operative: le dotazioni prevedono infatti il trittico di lampeggianti insieme al faro orientabile, il porta bastone da difesa e paletta, il microfono della radio sistemato in posizione centrale affinché possa essere usato con facilità sia da chi è al volante che da chi gli siede accanto, e un piano scrittoio estraibile posteriore con plafoniera a led.

Le nuove Tipo vanno a impolpare una fornitura, quella ai Carabinieri, che vanta già modelli come Fiat Panda e Punto, Jeep Renegade, Alfa Romeo Giulietta e Giulia Quadrifoglio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mercedes, il test sui consumi. Quanto sono diversi quelli reali dalle prove di omologazione? – FOTO

prev
Articolo Successivo

Piccadily Circus, a Londra debutta lo schermo con la pubblicità personalizzata. Ecco il Grande Fratello dell’auto

next