Il recente ritorno dello smog in Val Padana sta creando un’urgenza sanitaria di ridurre le emissioni per evitare gravi danni alla salute di tutti. In gran parte, lo smog è dovuto alle emissioni automobilistiche ed è là che dobbiamo agire per risolvere il problema. Ma qui, purtroppo, è proprio il caso di dirlo: ogni paese ha i dirigenti che si merita.

Negli Stati Uniti, Elon Musk ha creato dal nulla un gigante dell’industria automobilistica, la Tesla, che ha rivoluzionato tutto il settore. Il successo strepitoso della Tesla ha reso chiaro che non c’è più bisogno dei puzzolenti e costosi motori a combustione interna (detti anche “a scoppio”): abbiamo le tecnologie e la capacità per passare alla trazione elettrica. Gli altri costruttori, con in testa la Volkswagen umiliata dallo scandalo del “dieselgate, stanno anche loro investendo pesantemente sull’elettrico. E non sono solo i costruttori a premere in questa direzione: è recentissimo l’annuncio del sindaco di Parigi, Anne Hidalgo, che dal 2030 tutti i veicoli in circolazione in città dovranno essere elettrici.

E da noi? Beh, da noi, ahimè, il nostro Sergio Marchionne, amministratore delegato della Fiat, si è lanciato recentemente in una bella tirata contro l’auto elettrica, sostenendo che “le emissioni di un’auto elettrica, quando l’energia è prodotta da combustibili fossili, sono equivalenti a quelli di un altro tipo di auto”.

Non si sa da dove Marchionne abbia tirato fuori questa sua affermazione (e non è la prima volta che lo dice) ma in ogni caso è sbagliata. Marchionne si è basato su dati obsoleti o su dati basati su paesi dove l’elettricità viene prodotta principalmente dal carbone. In Europa, e specialmente in Italia, le cose sono ben diverse. Un articolo recentissimo di Alberto Moro e Laura Lonza, ricercatori a Ispra fa il punto della situazione, arrivando a conclusioni opposte a quelle di Marchionne. La loro conclusione è che “Nell’Unione Europea e nel 2013 i veicoli elettrici hanno permesso risparmi potenziali di emissione di gas serra in confronto ai veicoli a motore a scoppio dellordine del 50–60%… Se assumiamo che le tendenze attuali verso la decarbonizzazione della produzione elettrica nell’Unione Europea continueranno, ci si aspetta che i veicoli elettrici abbiano profili di emissione di gas serra più bassi di qualsiasi veicolo con motore a combustione interna”.

Ma passare a veicoli elettrici non è solo questione di ridurre le emissioni di gas serra: i veicoli elettrici non emettono particolato e nemmeno le centrali che li alimentano, quando sono rinnovabili. Ed è il particolato che crea lo smog e i danni associati. Insomma, se vogliamo liberarci dallo smog non abbiamo scelta. Marchionne o non Marchionne, dobbiamo passare alla trazione elettrica. Lo possiamo fare. E prima lo facciamo, meglio staremo.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Smog, il Comune di Torino: “Non aprite porte e finestre, non fate sport”. A Lodi e Cremona 9 giorni di sforamento Pm10

next
Articolo Successivo

Smog, dagli Euro 3 ai fondi a macchia di leopardo: tutti i provvedimenti rinviati e congelati dalle regioni

next