Donatella Rettore lascia “Tale e Quale Show” dopo sole tre puntate. La cantante 62enne aveva accettato con entusiasmo l’invito di Carlo Conti per partecipare al varietalent di RaiUno, ma poi qualcosa si dev’essere rotto: poche ore fa Rettore ha comunicato il suo aut aut alla produzione, non si è presentata alle prove e ha fatto perdere le sue tracce. Anche per noi del Fatto Quotidiano non si è resa disponibile a parlare.

Il motivo, stando a sentire la diretta interessata, è di salute: “Infezione virale grave ai reni e alle vie respiratorie superiori, questo il motivo, grazie”, ha scritto su Twitter la cantante. Qualcuno, invece, riporta di malumori e insoddisfazione per le classifiche finali delle puntate. Nelle prime due puntate infatti si è classificata nelle ultime posizioni (settima e nona), mentre nell’ultima puntata si è vista soffiare la vittoria con un’ottima Gabriella Ferri. Al posto arriverà l’attore siciliano Dario Bandiera, da tempo imitatore di professione: è già alle prese con le prove di rito per la puntata di domani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lidl, via le croci dall’immagine di Camporosso, il sindaco minaccia azioni legali. La catena di supermercati: “Foto comprate da un database”

prev
Articolo Successivo

Belen Rodriguez: “Perché lavoro in Italia? L’Argentina è già piena di belle donne”

next