Si è spento all’alba nella sua casa di Cassacco (Udine), il pluripremiato poeta friulano Pierluigi Cappello. Aveva 50 anni e soffriva da tempo di una grave malattia. Nato a Gemona del Friuli (Udine) e cittadino onorario di Udine e Tarcento (Udine), Cappello ha vinto il premio “Montale” nel 2004 con “Dittico”, il “Viareggio-Rèpaci” nel 2010, il “Vittorio De Sica” nel 2012 (ricevuto da Giorgio Napolitano al Quirinale) e il “Maria Teresa Messori Roncaglia ed Eugenio Mari” per l’opera poetica, conferitogli nel 2013 l’Accademia dei Lincei. Nel 2014 a Udine, gli è stato consegnato il premio letterario internazionale Terzani ex aequo con Mohsin Hamid. Nel settembre 2013, ha ricevuto dall’Università di Udine la laurea honoris causa in Scienze della formazione.

Tra le sue opere più recenti, “Questa libertà”, sua prima e attesa prova narrativa, inserita nella storica collana “La Scala”, e “Azzurro elementare”, l’opera omnia poetica, entrambe sotto il segno della Bur. E poi un libro scritto per i bambini, “Ogni goccia balla il tango” (Rizzoli, 2014), e la nuova raccolta di poesie “Stato di quiete”, con prefazione di Jovanotti, seguita da una sua nota introduttiva, uscita nel 2016 sempre per i tipi di Bur contemporanea. Costretto in carrozzella dopo un incidente nel 1983, Cappello era molto legato alla sua terra e alla fitta rete di amicizie e di sodalizi artistici e culturali di cui si faceva motore e interprete. Quando parlava dei suoi inizi, si definiva “poeta per condizione biologica”. In seconda media un’insegnante gli fece conoscere la Chanson de Roland, Omero, Ariosto. Lui iniziò prima a disegnare quelle gesta, poi passò ai versi. E fu l’inizio del suo grande amore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elliott Erwitt in mostra a Forlì, uno sguardo acuto e pieno di ironia sulle Personae

prev
Articolo Successivo

Addio a Pierluigi Cappello, il poeta della gentilezza che usò la parola come riparo dal destino

next