Il Comune di Torino si dissocia dalla gara di rutti. Sembra l’incipit di un libro surreale, ma è notizia delle ultime ore: “Non abbiamo dato nessuna autorizzazione e non abbiamo concesso nulla”, fa sapere il Comune a Repubblica. E anche Chiara Appendino ha voluto dire la sua su questo evento, improvvisando addirittura una gag con Beppe Sala. La gara in questione, chiamata “Burp d’estate”, è stata organizzata dalla pagina Facebook “lignorante” ed è prevista per il prossimo 23 settembre in piazza Castello. Non manca nulla, almeno sulla carta. Ci si ritrova alle 14, ci si iscrive pagando un euro (il ricavato verrà devoluto in beneficenza) e ci si sottopone a una giuria che selezionerà finalisti e vincitore. La pagina Facebook non è nuova a iniziative goliardiche, su questa falsariga: la “giornata contro il risvoltino” sui pantaloni, per esempio, è un’altra trovata lanciata qualche tempo fa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Keanu Reeves gira la Romagna: tra selfie, ragù e pizze nel cuore della notte, “Matrix” conquista i romagnoli (e Facebook)

next
Articolo Successivo

Mariah Carey, a Los Angeles con il fidanzato senza paura di mostrare i kg di troppo

next