Il ministro Andrea Orlando ha pronto uno schema di decreto legislativo che esclude la possibilità per i pubblici ministeri di utilizzare il contenuto integrale delle intercettazioni: potrà esserci solo un “richiamo al contenuto“. Stretta anche sull’uso dei trojan, fondamentali nell’inchiesta su Alfredo Romeo e Tiziano Renzi. Se la bozza dovesse passare così com’è stata pensata negli uffici di via Arenula, non sarebbero più utilizzabili per indagare sulla corruzione.

Il direttore Peter Gomez, commentando questa notizia non usa mezzi termini: “Sono in malafede e politicamente ignoranti. Disgustosi e scemi. Il segnale che stanno dando in questo momento dice che hanno la coda di paglia, si preparano alla grande alleanza con il pregiudicato Silvio Berlusconi (che queste cose le prepara da anni) e stanno cercando di nascondere lo sporco sotto il tappeto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

C’è Verdini nel Pd: è il figlio Tommaso ed è iscritto da 3 anni. “E’ una scelta privata”

next
Articolo Successivo

Marcia su Roma, Zingaretti: “Fu atto contro l’Italia. Si impedisca la riproposizione di quegli eventi”

next