Il ministro Andrea Orlando ha pronto uno schema di decreto legislativo che esclude la possibilità per i pubblici ministeri di utilizzare il contenuto integrale delle intercettazioni: potrà esserci solo un “richiamo al contenuto“. Stretta anche sull’uso dei trojan, fondamentali nell’inchiesta su Alfredo Romeo e Tiziano Renzi. Se la bozza dovesse passare così com’è stata pensata negli uffici di via Arenula, non sarebbero più utilizzabili per indagare sulla corruzione.

Il direttore Peter Gomez, commentando questa notizia non usa mezzi termini: “Sono in malafede e politicamente ignoranti. Disgustosi e scemi. Il segnale che stanno dando in questo momento dice che hanno la coda di paglia, si preparano alla grande alleanza con il pregiudicato Silvio Berlusconi (che queste cose le prepara da anni) e stanno cercando di nascondere lo sporco sotto il tappeto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

C’è Verdini nel Pd: è il figlio Tommaso ed è iscritto da 3 anni. “E’ una scelta privata”

prev
Articolo Successivo

Marcia su Roma, Zingaretti: “Fu atto contro l’Italia. Si impedisca la riproposizione di quegli eventi”

next