“Minniti un mio delfino? Non ho mai avuto delfini”. Massimo D’Alema attacca il ministro dell’Interno e lo fa proprio nella città di Marco Minniti in occasione della Festa della Sinistra iniziata ieri sera sul lungomare di Reggio Calabria. Il tema che stimola i commenti sull’operato di Minniti, che fu sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nei due governi guidati da D’Alema, è quello dei migranti: “L’accordo di oggi con la Libia è uguale a quello di Berlusconi con Gheddafi. Io ho sempre considerato Minniti un tecnico della sicurezza. Un po’ la sua origine familiare e un po’ la sua formazione comunista hanno fatto di lui un militare più che… (un politico, ndr). Ho visto che ha detto che sulla difesa dei diritti umani dei migranti si metterà in gioco. Spero che lo faccia perché finora non ho avuto questa impressione”. D’Alema si è soffermato anche sul caso di Giulio Regeni e sulla ripresa dei rapporti tra l’Italia e l’Egitto: “Ci siamo dimenticati le responsabilità degli apparati egiziani nel rapimento e nell’assassinio di Giulio Regeni. Lo hanno ucciso i servizi di sicurezza egiziani. L’impressione è che la realpolitik prevalga sui principi e sulla dignità del nostro Paese”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Regionali Sicilia, D’Alema: “Accordo Renzi-Alfano ha distrutto il centrosinistra. Contrari a questa marmellata”

prev
Articolo Successivo

Meloni (FdI): “Minniti? Molto fumo, poco arrosto. Ma l’ho invitato alla nostra festa di Atreju”

next