Nel giugno scorso l’omaggio di papa Francesco e sabato la passerella nientemeno che al festival del cinema di Venezia. A cinquant’anni dalla morte l’Italia riscopre e rende omaggio a don Lorenzo Milani. A Venezia è stato proiettato in anteprima il docufilm Barbiana ‘65. La lezione di don Lorenzo del regista Alessandro D’Alessandro. Prodotto da Felix Film, in collaborazione con l’istituto Luce Cinecità e la fondazione don Milani, presieduta da Michele Gesualdi, uno degli allievi prediletti dal priore di Barbiana, il docufilm, un’ora di pellicola, recupera il materiale filmico girato nel 1965 dal cineasta Angelo D’Alessandro, il padre di Alessandro, che per mezzo secolo è rimasto in gran parte nei cassetti. Per la prima volta don Milani accettò di farsi riprendere dalla cinepresa e quindi quello che D’Alessandro junior ha proposto a Venezia è materiale inedito sulla scuola di Barbiana. Il primo e unico set di don Milani. Il documentario è commentato da don Luigi Ciotti, dall’ex procuratore generale di Firenze Beniamino Deidda e dalla professoressa Adele Corradi, che per tre anni aiutò don Milani a far scuola ai ragazzi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gastone Moschin morto, addio all’ultimo dei mitici “Amici miei”. Aveva 88 anni: recitò anche ne Il Padrino

prev
Articolo Successivo

Venezia, fischi sul red carpet per l’attrice premio Oscar Frances McDormand. E lei reagisce così

next