Lapsus della deputata di Mdp, Elisa Simoni, durante Coffee Break (La7). Il tema del dibattito è incentrato sui delicati equilibri nel Medio Oriente e, a riguardo, il viceministro degli Esteri, Mario Giro, ospite in studio, menziona l’addio del calciatore brasiliano Neymar al Barcellona e il suo acquisto da parte del Paris Saint German, di proprietà dell’emiro Tamin bin Hamad Al Thani, sovrano del Qatar. L’operazione calcistica, da molti definita “l’affare del secolo”, ha per la parlamentare una valenza politica: “È sicuramente un’operazione simpatia e, se non fosse anche politica, non sarebbero state spese quelle cifre strabilianti per un calciatore”. E incespica in una gaffe: “Quando quelli del Qatar comprarono in Francia il lusso francese, si comprarono immediatamente anche la squadra di cazzo“. Ma poi si corregge immediatamente: “Si comprarono anche la squadra di calcio come un’operazione nazionalpopolare per farsi accettare di più. I Mondiali di Calcio del 2022 in quel Paese ha una ragione anche geopolitica”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cacciari: “Renzi? Continuo a sostenerlo per non far vincere il centrodestra, ma non è in grado di comprendere nulla”

prev
Articolo Successivo

Migranti, La Russa (FdI) vs Carbone (Pd): “Di’ cose intelligenti. Basta con le cazzate”. “Sempre complimenti da te”

next