Nuova puntata della diatriba social-televisiva Parietti-Lucarelli, che dopo gli scontri a “Ballando con le stelle” e su Facebook avrà una coda in tribunale, visto che la penna del Fatto Quotidiano ha chiesto 180mila euro di risarcimento alla showgirl e conduttrice torinese.
Alba Parietti, dopo un articolo pubblicato giovedì su FQ Magazine in cui si riassumeva la vicenda, ci ha contattati per dire la sua, annunciando anche una contro-richiesta di danni: “Se Selvaggia Lucarelli pensa di valere 180mila euro per quattro insulti che ci siamo tirati, a questo punto io mi sento parte lesa e ne valgo almeno il doppio. Ecco perché chiederò 300mila euro”.
E ancora, riferendosi alla diffida ricevuta dal legale della Lucarelli, la Parietti chiede che “si evitino lettere di diffida o minacce, perché al massimo è un argomento da parrucchiera, non da tribunale. Non ho paura di niente e di nessuno e ho le scatole piene di questa storia, andata oltre il lecito. Speravo che questa farsa fosse finita, ma a questo punto ne discuteremo in tribunale”.

Selvaggia Lucarelli, invece, ha scelto di non polemizzare e di lasciare che della questione se ne occupino i giudici. 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Ecco come taroccare le foto su Instagram”, la blogger finlandese svela i trucchi delle star

prev
Articolo Successivo

Povia lancia la canzone “Immigrazia” su Facebook: “Mentre fissi il lampadario, gli immigrati ti fregano il salario”

next