Disavventura legale per Alessandra Amoroso. La popstar lanciata da Amici di Maria De Filippi, infatti, è al centro di una denuncia da parte dell’Ater di Roma, l’azienda che gestisce le case popolari della Capitale. La “colpa” è del videoclip di “Fidati di me”, girato in parte nei palazzi Ater di Tor Marancia, dove fanno bella mostra i murales del progetto “Big city life”.

La denuncia presentata dal direttore generale Franco Mazzetto rileva “un danno patrimoniale e gli estremi del reato di invasione di edifici peraltro nella forma perseguibile d’ufficio trattandosi di edilizia residenziale appartenente ad un ente pubblico”.

Secondo l’edizione romana del Corriere della Sera, l’esposto è stato presentato il 4 luglio scorso, con l’Ater che ha riassunto la vicenda a partire dalla prima mail nella quale la Bmovie Italia (la casa di produzione del video) aveva chiesto l’autorizzazione per le riprese, con l’Ater disposta a concederla dietro pagamento regolare del canone previsto: mille euro al giorno e 2.500 di cauzione. Con la risposta negativa di Bmovie, l’Ater pensava a una rinuncia definitiva, almeno fino a quando, a giugno, un dipendente dell’ente ha notato nel video i locali dello stabile di Tor Marancia (per la precisione il lastrico solare dell’edificio del lotto 1, civico 63, i vialetti condominiali e il giardino di pertinenza).

Secondo i legali che rappresentano l’Ater, “tale comportamento è stato realizzato per perseguire un ingiusto profitto a danno della pubblica amministrazione, consistente tanto nel mancato versamento del canone giornaliero per l’utilizzo del complesso quanto per gli introiti di carattere pubblicitario derivanti dalla rapida diffusione e commercializzazione del videoclip musicale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Veronica Lario: “Il film su Silvio di Sorrentino? Sarà una storia d’amore. Apprezzo la scelta di Elena Sofia Ricci nel mio ruolo, ma…”

next
Articolo Successivo

Ius soli, ecco il test di italianità: chi ha le caratteristiche biologiche dell’italiano perfetto? La rubrica di Martina Dell’Ombra

next