In molti ricorderanno la sua faccia, soprattutto i tantissimi fan di Mamma ho perso l’aereo, film culto dei primi anni ’90. John Heard, che nella pellicola interpretava il papà di Kevin McCallister, è morto a 71 anni a Palo Alto. Stando a quanto riportato dal sito TMZ, l’attore è stato trovato senza vita dal servizio di pulizia dell’albergo in cui alloggiava. Quando i soccorsi medici chiamati dal personale dell’hotel sono arrivati sul posto, per lui non c’era già più niente da fare. Heard, secondo quanto dichiarato da un suo portavoce, avrebbe dovuto subire “un intervento chirurgico alla schiena” e si trovava in albergo proprio nell’attesa del ricovero. Ancora ignote le cause della morte. Protagonista del piccolo e del grande schermo, è stato diretto da Scorsese e ha recitato in serie tv di grande successo come Csi: Miami e I Soprano.

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Belen Rodriguez e Stefano De Martino di nuovo insieme? Simona Ventura commenta: “Credo che lei sia ancora innamorata di lui”

next
Articolo Successivo

Tinto Brass, matrimonio a 84 anni: “Così deciderò come morire. Con le mie attrici? Ho avuto rapporti. Avrei voluto lavorare con Cristina Parodi”

next