Si è spenta a Roma, nella sua casa di via Flaminia, l’attrice Elsa Martinelli. Aveva 82 anni. Nata nel 1935 a Grosseto, era malata da tempo. Scoperta da Kirk Douglas, ha lavorato con tutti i grandi del cinema da Orson Welles a Mario Monicelli, da Roger Vadim ad Alberto Lattuada.

Nel 1956 la scoperta della critica grazie alla vittoria dell’Orso d’Argento come migliore attrice al Festival di Berlino per l’interpretazione nel film ‘Donatella’ di Mario Monicelli. Nel 1980 è stata ironicamente citata nel brano ‘Jet Set’ da Rino Gaetano, contenuto nel suo ultimo LP.

Sposata nel 1957 con il conte Franco Mancinelli Scotti di San Vito, ha avuto una figlia, Cristiana, che ha seguito el sue orme nel campo della recitazione. Nel 1968 si è risposata con il fotografo e designer Willy Rizzo. I funerali a Roma si terranno martedì prosimo alle 11 nella chiesa di S.Maria del Popolo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morrissey: “Italia al livello della Siria per stabilità morale” (Facciamo finta di non aver letto e mettiamo un disco degli Smiths?)

next
Articolo Successivo

Vittorio Sgarbi racconta la notte di passione con Malena e poi smentisce: “Cruciani ti ho preso per il culo. A te e ai guardoni come te”

next