“Paolo Villaggio ha rappresentato un modello di rottura rispetto alla canonica commedia all’italiana”. Così l’attore Ricky Tognazzi, uscendo dalla clinica Paideia di Roma, ha ricordato l’artista ligure scomparso nella notte. Raccontava la realtà: diceva le cose vere con questo spirito molto sardonico e sincero. È stato il migliore amico di papà, hanno passato una vita insieme si volevano bene e si stimavano tantissimo. Forse era la persona più intelligente che abbia mai conosciuto. L’Italia non ha gratitudine nei confronti dei monumenti del passato, ma è vero anche che dopo una certa età diventa tutto più difficile. È stato un grande, è stato il re della risata”: c

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Paolo Villaggio, dal ragioner Fantozzi al maestro di “Io speriamo che me la cavo”. Tutti i personaggi che hanno fatto storia

prev
Articolo Successivo

Ciao Paolo

next