Che suono ha un vero orgasmo femminile? Mistero della fede, e della fiducia sull’accaduto. Per i maschietti si va sempre a spanne, si ipotizza, si fantastica: in fondo, dai, c’è stato. Per le signorine, invece, è forse l’ultimo dei segreti che, un po’ come la Coca-Cola o la Nutella non va rivelato a nessuno. Da oggi, però, per togliere ogni dubbio, dovreste ascoltare almeno una delle registrazioni anonime caricate sulla Libreria de Orgasmos, archivio no profit inventato e caricato online da un gruppo di signore di Barcellona. Ogni donna del pianeta può infatti entrare sul sito web e registrare il proprio orgasmo in diretta performativa, per poi lasciarlo caricato in forma anonima nell’enorme banca dati “sonora” e sentirlo fluttuare condiviso sulla rete. “Abbiamo voluto dare voce alla “diversità del piacere femminile” e dimostrare che il sesso è pluralista, con un sacco di sfumature, completamente diverso alla versione descritta dai media e film porno”, spiegano le ragazze che hanno inventato l’iniziativa. Infatti, nel video di presentazione dell’operazione la prima scena che vediamo e seguiamo nell’ascolto è quella con le registrazioni di alcuni gemiti sfornati dalle doppiatrici di film hard spagnole. Gli uomini che ascoltano se la ridono, le donne rimangono attonite. Ecco allora che per andare al succo della questione si possono fare alcuni assaggini “realistici”, che potranno (lo speriamo per voi) tornare alla mente come familiari.

Troverete così Lost in my cloud of pleisure, una vera sinfonia wagneriana dell’amore; l’Intenso Ohh, autentico gioiellino minimalista che non lascia indifferenti; e Una vida sin orgasmos es como unas lentejas sin chorizo, una full immersion di composizione “aleatoria” alla John Cage. Grazie poi ad un software grafico ogni suono dell’orgasmo in registrazione nella sua intensità, equilibrio tra alti e bassi, timbro, ecc… si trasforma in uno (pardon) schizzo disegnato con macchie colorate e finemente allargate come gocce di colore su carta porosa. Veri e propri pezzi unici e personalizzati per ogni donna partecipante. Disegni, e suoni, che finiranno per comporre una mostra che si terrà a breve nel Museo del Sesso di New York, composta da oltre 750 orgasmi provenienti da 51 paesi. Tra questi c’è anche il vero orgasmo, unico non anonimo, di una delle migliori pornostar spagnole e regista femminista, Amarna Miller. “Il 22,5% delle donne spagnole non è mai o quasi mai riuscita a raggiungere un orgasmo durante il rapporto sessuale. Allo stesso tempo i partner maschili si aspettano che il 52% dei gemiti che sentono durante l’amplesso sono falsi”, spiegano sul sito web. Insomma navigando sulla pagina web della Libreria de Orgasmos si possono imparare tante cose belle e nuove. Come che Meg Ryan in Harry ti presento Sally ha saputo fingere un orgasmo come una vera pornostar.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Incontri, dal virtuale al reale. Vi raccontiamo un anno di dating con le parole di…

prev
Articolo Successivo

Sesso, troppo caldo per accoppiarsi? C’è l’amore astrale

next