Non sarà l’apoteosi da coppa del mondo di Cicciolina e Moana Mondiali, ma date tempo al tempo. Il calciatore Davide Iovinella, difensore del Pomigliano Calcio 1920 compirà il suo ritiro estivo non in altura, ma nella factory di Rocco Siffredi a Budapest. Già, perché il 24enne della serie D, sei reti all’attivo in dodici anni di attività professionistica da difensore ha superato i provini della Siffredi Hard Academy e il 18 giugno 2017 inizierà la settimana di full immersion obbligatoria – 3000 euro di iscrizione, che Rocco di certo non regala – per poi accedere al team di lavoro della blasonata produzione Siffredi.

“Quello del porno è un mondo in cui già sto da un po’ di tempo”, ha spiegato il ragazzo al sito marcianise.info, poi ripreso da Il Mattino di Napoli. Le selezioni romane sembrano essere state durissime con 13 promossi su 1000 partecipanti. “Se supererò in termini positivi la settimana di prova a Budapest, entrerò a far parte del team Siffredi. Sembra un mondo così semplice, ma di semplice non c’è nulla”. Iovinella è già in piena trance agonistica, ma non più per diagonali e tackle scivolati, ma al cospetto di Mea Malone e Bonnie Rotten.

È un lavoro che si avvale per lo più della componente psicologica. Occorre freddezza e concentrazione. Infatti durante la settimana a Budapest, Siffredi ci insegnerà come controllarci dal punto di vista mentale”. Iovinella, dagli amici e compagni di gioco chiamato Dadà, ha pensato già a tutto, compresa la classica premura della chiacchierata con mamma e papà: “La mia famiglia è al corrente di tutto e rispetta la mia scelta. Se la gente mi giudica non mi lascio influenzare. Soprattutto tra le donne non sono visto molto bene, ma non mi interessa perché considero quello del porno un lavoro come gli altri”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Paola Perego torna su RaiUno dopo il pasticcio di Parliamone Sabato sulle donne dell’est

next
Articolo Successivo

Al Bano e Loredana Lecciso, matrimonio in gran segreto?

next