Ci risiamo. Richard Hammond, ex pilota-conduttore nella popolare trasmissione della Bbc Top Gear, dopo il grave incidente del 2006 e quello più recente del marzo scorso in Mozambico, è stato di nuovo coinvolto in un schianto, le cui conseguenze avrebbero potuto essere fatali, a giudicare da come ha ridotto l’auto di cui era al volante. E invece, per fortuna, se l’è cavata solo con una frattura al ginocchio.

Hammond, che insieme ai “vecchi” compagni di Top Gear Jeremy Clarkson e James May porta avanti la trasmissione Grand Tour su Amazon Tv, stava effettuando delle riprese al volante di una Rimac Concept One, hypercar elettrica da oltre mille cavalli. Una roba difficile da tenere a bada. Mentre percorreva ad alta velocità le strade della corsa in salita Bergrennen Hemberg, l’uscita di strada nel bel mezzo di una curva stretta a sinistra.

La vettura si è ribaltata e, una volta arrestata la sua corsa, Richard Hammond ha avuto giusto il tempo di strisciare fuori, prima che prendesse fuoco. E finisse carbonizzata, nonostante l’intervento solerte dei Vigili del Fuoco svizzeri, come si può vedere dalle foto.

Hammond è stato trasportato in elicottero all’ospedale di San Gallo, dove gli è stata diagnosticata una frattura al ginocchio. Praticamente nulla, in confronto a ciò che gli sarebbe accaduto se fosse rimasto nell’abitacolo qualche secondo in più. “E’ stato lo schianto più terrificante che abbia mai visto”, come si legge in un tweet della star Jeremy Clarkson, “ma la cosa incredibile è che Richard sta abbastanza bene”. Lo stesso Hammond, dall’ospedale dove è rimasto in osservazione, ha poi provveduto a tranquillizzare i suoi fan con un messaggio.

Sono i rischi del mestiere, direbbe qualcuno. Ma questa volta, fermo restando il miracolo dello scampato pericolo per il pilota, il danno è grosso: la Rimac Concept One è una supercar costruita artigianalmente in Croazia, ha quattro motori elettrici che sviluppano una potenza equivalente a 1.088 cavalli che le fa bruciare lo 0-100 orari in 2,7 secondi. E soprattutto costa 2,3 milioni di euro…

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’auto “medica” che ti salva la vita? Presto realtà, ma dietro c’è il business

next
Articolo Successivo

Pakistan, taxi rosa per le donne contro le molestie sessuali. Ma costano cari

next