Se n’è andata la signora Annarella, pasionaria classe 1926 divenuta famosa per le sue opinioni politiche senza peli sulla lingua e schierate totalmente verso sinistra. La sua ultima apparizione, seppur telefonica, è avvenuta tre mesi fa nel programma radiofonico “La Zanzara” di Giuseppe Cruciani, suo vero mentore a livello mediatico, e David Parenzo, ma Annarella già non stava bene e da tempo non si muoveva da casa.
L’Anna Magnani dei giorni nostri (come veniva spesso definita da alcuni cronisti) viveva con 213 euro di pensione al mese e non era affatto felice di questa sua situazione di stenti. Così aveva deciso di passare gran parte delle sue giornate tra Montecitorio e Palazzo Madama, zona calda della politica romana, dove andava alla ricerca di una telecamera o di un politico per dare libero sfogo alle sue idee. Talmente tanto appassionata e verace che le emittenti televisive avevano cominciato ad interpellarla sempre più spesso, mentre i suoi sfoghi diventavano virali sui social.
Il suo bersaglio preferito? Senza dubbio Silvio Berlusconi: “Se deve levà dalla faccia della Tera, ‘sto zozzone. Lo vorrei vedè cor cappio al collo. Se l’avevo a casa er cappio, lo volevo portà ma poi me so dimenticata… […] Vergnogoso che parli di ville comprate mentre c’è gente che non può permettersi neanche una rosetta da venti centesimi”, era stata una delle sue tante invettive.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pierluigi Diaco: “La mia vita bellissima. Vivo con il mio compagno Alessio. E’ la prima volta che ne parlo”

prev
Articolo Successivo

The Jackal, il nuovo video sul tormentone Despacito: “Ma chi è? Chi lo conosce ‘sto Luis Fonsi?!”

next