Sorrisi e applausi del senatore Vincenzo D’Anna, esponente di Ala. Ospite in studio a L’Aria che Tira (La7), il parlamentare, alla notizia annunciata dall’inviata Claudia Andreozzi, che riporta la frase del deputato Pd Emanuele Fiano (“La legge elettorale è morta e l’hanno uccisa i 5 Stelle”), batte festosamente le mani. Poi spiega che è un fautore del maggioritario: “Con il proporzionale torniamo al Manuale Cencelli, alle camarille, ai giochi di corridoio, che si fanno dopo il voto, non prima”. Insorge la senatrice Pd Rosa Maria Di Giorgi: “Può venire nel Pd“. “E perché non proponete questa legge?” – replica D’Anna – “E fate i pateracchi coi grillini e coi leghisti“. “Veramente era la nostra legge”, risponde la parlamentare dem. “Io avevo fondato un partito” – spiega ironicamente il senatore verdiniano – “Si chiama “Il partito dell’attesa”. Ha uno statuto che si compone di un solo articolo: in Italia, qualunque cosa accada, noi minacciamo di aspettare

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, Di Maio: “Franchi tiratori? Renzi accusa il M5s, ma sa bene che sono tra i suoi”

next
Articolo Successivo

Elezioni Uk, durante la maratona Mentana accade l’imprevedibile. “Il nostro momento Mr. Bean”

next