Non dovremo stupirci quando scopriranno che gli attentatori di Londra avevano precedenti penali; erano finiti in carcere e lì, in detenzione, hanno riscoperto di “essere musulmani”. Una volta usciti, il fallimento delle loro vite l’hanno imputato al sistema. Poi all’Occidente che – hanno pensato – non ha voluto accettarli perché figli di musulmani: l’occidente odia l’Islam, odia loro.

E allora loro, che di Islam non hanno mai saputo nulla, né hanno mantenuto un legame stretto con i loro paesi di origine, hanno riempito un vuoto – quello della loro identità – indossando i vestiti della loro appartenenza: quella religiosa, messa sotto attacco dallo sguardo dell’altro.

E’ un copione che si ripete quello del fenomeno della radicalizzazione. I terroristi, da Charlie Hebdo fino a quelli di Manchester, hanno affrontato lo stesso percorso psicologico e umano. Questo vuoto, quello del fallimento, che accomuna tutte queste persone, è stato riempito con la violenza scatenata contro lo Stato, ieri contro la città di Londra – governata da un sindaco musulmano, Sadiq Khan, a cui tutto è imputato.

Noi, comuni cittadini, dobbiamo fare i conti con un’Europa che comincia ad assomigliare al Medio Oriente, dove da decenni i cittadini di quel posto – che è parso esotico e lontano anni luce da noi – fanno i conti con le uccisioni sommarie dei regimi arabi e del fondamentalismo religioso. Ma non ci è mai davvero interessato, mentre eravamo stesi a prendere il sole a Sharm el Sheikh. Forse oggi, in un’epoca di stragi, è il momento di capire che ricostruire il legame con la sponda sud del Mediterraneo è l’unica maniera che abbiamo per salvarci.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Londra, il testimone: “Un uomo con un coltello è entrato al ristorante, mi sono nascosto in un bidone”

next
Articolo Successivo

Attentato Londra. Furgone sulla folla, poi le coltellate: sette morti e 48 feriti. May: “Basta, rivedere leggi antiterrorismo”. Fermate 12 persone – ORA PER ORA

next