Sky Cinema Cult (canale 314 di Sky), in occasione del Biografilm Festival (in programma dal 9 al 19 giugno 2017 a Bologna), proporrà dal 5 al 30 giugno, in prima e seconda serata, la programmazione dedicata “BiografiCult” all’insegna dei film biografici sulle vite di grandi artisti, indimenticabili musicisti, coraggiosi sportivi ed influenti esponenti della politica internazionale. Spiccano cinque imperdibili prime visioni.

Si parte martedì 6 giugno alle 21.00 con “The Lady in the Van”, il film che racconta la storia di Miss Shepher (Maggie Smith), singolare e scorbutica senzatetto che dopo aver parcheggiato “temporaneamente” il suo furgone a Londra sul vialetto del commediografo Alan Bennett, creerà con il vicino un rapporto che cambierà la vita di entrambi. Venerdì 9 giugno alle 21 l’appuntamento è con “Oasis: Supersonic”: la storia di una delle band che negli anni 90 ha lasciato il segno nel panorama musicale mondiale attraverso immagini di repertorio e interviste inedite, dalla nascita della band di Manchester nel 1991 al lancio del primo album, dallo storico concerto a Knebworth Park fino alla rottura tra i fratelli Gallagher. Sabato 17 giugno alle 21 è la volta di “The Beatles: Eight Days a Week”, il film firmato dal premio Oscar® Ron Howard e prodotto in cooperazione con Paul McCartney, Ringo Starr e le vedove di George e John (Yoko Ono e Olivia Harrison) che racconta la straordinaria cavalcata verso la fama del gruppo di Liverpool, dai primi passi al Cavern Club fino al loro ultimo concerto pubblico a Candlestick Park nel 1966. Sabato 24 giugno alle 21 è il momento di  “Bernie”, la pellicola in cui Richard Linklater (Boyhood) dirige Jack Black, Matthew McConaughey e Shirley MacLaine in una dark comedy ispirata a un fatto di cronaca realmente accaduto nel 1996 in Texas.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bahrami e Rea insieme per Bach: sorpresa, il contrappunto si può jazzare. “La nostra? Sfida unica nella storia”

prev
Articolo Successivo

Non dimentichiamoci mai di Chris Cornell, un angelo caduto in volo

next