L’ attore e regista Sergio Castellitto è stato ospite della redazione del Fatto.it ha spiegato una battuta (“Il teatro è importante, ma la fregna di più”) presente nel suo ultimo film, Fortunata, al cinema in questi giorni. “Io l’ho trovata una battuta formidabile. Sembrerebbe una battuta rubata a un film di Natale, ma c’è un fondo di autentica drammaticità. Quella è una donna malata di Alzheimer e spesso queste persone ritrovano la libertà del turpiloquio. Quella che i nostri politici non hanno mai abbandonato, pur non avendo l’Alzheimer”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Non hai mai visto Twin Peaks? Beato te

prev
Articolo Successivo

Cannes 2017, Twin Peaks è un patto col diavolo dei freak

next