La prima Opel ad essere commercializzata sotto le insegne di PSA, il gruppo francese che ha recentemente rilevato il marchio tedesco da GM, sarà la sport utility compatta Crossland X. E non poteva essere altrimenti vista la smania del mercato per le suv, di qualsiasi formato esse siano. La vettura è lunga 421 cm, appena sette in meno della Mokka X, ed è costruita sulla stessa piattaforma della Peugeot 2008 (PSA e Opel già collaboravano prima di diventare “parenti”).

Con la transalpina, la Crossland X condivide anche tecnologia e motori: questi ultimi prevedono un benzina 3 cilindri in versione aspirata e turbo, con potenze da 81 a 130 Cv, e turbodiesel 1.6 da 100 e 120 Cv, tutti rigorosamente a trazione anteriore. Lo stile dell’auto invece è squisitamente Made in Germany e riprende gli ultimi concetti stilistici visti su Mokka X e Opel Astra.

Al centro della plancia è presente il sistema infotelematico con monitor da 8” compatibile con smartphone, dotato di hotspot Wi-fi 4G ed espandibile con i servizi “OnStar”: quest’ultimo è collegato h24 a una centrale che fornisce informazioni sui punti di interesse e può allertare i soccorsi in casi di emergenza; il primo anno di abbonamento è gratuito, poi si paga un canone. Da sottolineare anche la presenza del divanetto posteriore scorrevole di 150 mm (optional), che permette di dare più spazio a persone o bagagli: la capacità del vano di carico oscilla fra 410 a 520 dm3.

Sul fronte sicurezza sono invece presenti l’head up display, la frenata automatica d’emergenza, il controllo degli angoli bui e il rilevatore di stanchezza. Equipaggiamenti ulteriormente arricchiti da fari a Led, retrocamera e sistema di parcheggio automatico. I prezzi per la Crossland X partono da 16.950 euro per arrivare ai 23.450 della diesel da 120 cavalli: tuttavia al lancio è disponibile la 1.2 aspirata in allestimento Advance a 14.900 euro.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renault Captur, il crossover per la città punta su look e tecnologia – FOTO

next
Articolo Successivo

Fiat 500L, un restyling e tre anime diverse – FOTO

next