Tra i tanti progetti di cooperazione internazionale da sostenere, ce n’è uno che mi sembra particolarmente strategico. Innanzitutto perché riguarda la Tunisia, principale speranza di democrazia e pace nel Nord Africa; in secondo luogo perché si rivolge alle donne; in terzo luogo perché riguarda una regione adiacente alla Libia nonché il territorio di un vero – anche se non ufficializzato – patrimonio dell’umanità come i villaggi berberi; infine perché punta sui prodotti tipici e naturali. Sostenibilità e inclusione sociale per la tenuta economica di una fondamentale diga ai conflitti armati nel Nord Africa.

Il progetto è italiano e si chiama Ter-re – Dal territorio al reddito, rafforzamento delle capacità delle donne e dei giovani di TataouineFinanziato per tre anni dall’Agenzia italiana di Cooperazione allo sviluppo (Aics) e attuato dalla Ong Arcs di Roma, è coordinato sul campo dal palermitano Alberto Sciortino. Il video è stato girato ad aprile nella zona di Tataouine una città del Sud-Est della Tunisia, da Amedeo Siragusa.

Vi sono iscritte circa 150 donne di villaggi attorno a Tataouine che stanno partecipando con entusiasmo alle attività di formazione e di collaborazione per produrre tappeti, cosmetici, conserve, sughi, marmellate. Io stesso ho potuto constatare il grande e quotidiano impegno dello staff coordinato da Sciortino.

“Nei giorni scorsi – mi diceva Sciortino a fine aprile – abbiamo realizzato altre due importanti formazioni tecniche destinate alle donne dei cinque villaggi partecipanti. Questa volta gli esperti hanno approfondito la produzione e le potenzialità dei prodotti cosmetici a base di argilla e dei prodotti alimentari a base di fichi, due delle categorie su cui si concentra l’attività dei nostri gruppi”.

Inoltre, il responsabile dello staff di Ter-re ha spiegato di aver avviato altre importanti attività: la preparazione delle parcelle agricole dove saranno impiantate le specie vegetali utili alla realizzazione dei prodotti e l’attuazione dei lavori nei centri di produzione, ristrutturando i locali che già si cominciavano a usare. Si vuole far sì che i prodotti oggi fatti in casa possano essere realizzati collettivamente, in condizioni di lavoro migliori e migliori garanzie di igiene, mantenendo, allo stesso tempo, quantità e qualità dei prodotti artigianali basati su ricette tradizionali.

“Nei centri previsti –  ha raccontato ancora Sciortino – le donne dei cinque Groupements de Développement agricole seguiti dal progetto potranno anche gestire direttamente le fasi di etichettatura e imballaggio, attualmente assicurate dal progetto TER-RE”.

Più o meno negli stessi giorni, il progetto Ter-Re è andato, con ben 20 donne, in tournée nel Nord della Tunisia incontrando altre realtà produttive analoghe del settore agricolo. E poi alla grande fiera nazionale dell’artigianato nella capitale Tunisi.

Mentre a Tataouine non si è spenta la protesta sociale che chiede al governo posti di lavoro garantiti nell’industria petrolifera, il progetto Ter-Re punta su soluzioni di sostenibilità. E al pari dell’ecoturismo di cui ho parlato in un recente post su questo blog potrebbe e dovrebbe essere sostenuto dall’attenzione dei viaggiatori e dei consumatori italiani.

Con alcun amici stiamo pensando a un appuntamento a Tataouine l’1 novembre per portare italiani curiosi e aperti a visitare la zona e a conoscere e incoraggiare il progetto Ter-Re e i suoi prodotti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Italiani vivono tra topi e container marci. Chi sono? Rom e sinti”. La loro protesta a Montecitorio

next
Articolo Successivo

Indonesia, nella giornata dell’orgoglio gay tribunale condanna coppia omosessuale a 85 frustate

next