Il dado è tratto. Oggi il Regno Unito comunicherà formalmente all’Unione europea l’intenzione di lasciare il blocco comunitario. La premier conservatrice Theresa May invierà la lettera con la notifica formale al Consiglio europeo, attivando così la clausola d’uscita prevista dall’articolo 50 del Trattato di Lisbona. Potranno così cominciare i negoziati per il divorzio, che potranno durare due anni (salvo proroghe) e quindi entro il 2019 sancire il distacco, deciso dal 52% dei britannici nel referendum del 23 giugno 2016.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trattati di Roma, altro che compleanno! Questa Europa è da buttare

next
Articolo Successivo

Brexit al via. May: “Si aprono opportunità uniche”. Merkel e Hollande: “Sarà doloroso per i britannici”

next