I contrari al Mattarellum sono anche dentro il centrosinistra. Dopo il no di Forza Italia e Alternativa Popolare, anche prevedibile, arriva anche quello sorprendente del Movimento Democratici e Progressisti, cioè i fuoriusciti bersaniani. Ad annunciarlo è Alfredo D’Attorre, tra i più vicini alle posizioni dell’ex segretario del Pd Pierluigi Bersani, che ne fa un problema non di merito, ma di metodo, ufficialmente: “Far passare il Mattarellum alla Camera – dice – con un voto a stretta maggioranza, sapendo che poi affonderà al Senato, significherebbe mettere la legge elettorale su un binario morto. Allora sarebbe più onesto dire ‘non vogliamo fare la legge elettorale'”. Quindi non è un problema il merito, ma il metodo: “Dopo il no di un partito numericamente importante, come Ap, e dopo il fatto che tra le opposizioni solo la Lega appoggia il Mattarellum, occorre prendere atto delle condizioni reali”. I cronisti chiedono anche a Bersani di commentare questa decisione che chiarisce così: “Mò vedimo“.

Non sarà questione di merito, ma è chiaro che un partito piccolo e appena nato come Mdp preferisca un sistema proporzionale che gli garantisce una quota certa di seggi rispetto al Mattarellum che essendo maggioritario obbliga a una coalizione (nel caso dei bersaniani naturalmente sarebbe un’alleanza col Pd e forse col Pd di Renzi). Già quando era ancora sinistra Pd le posizioni sul Mattarellum dei bersaniani sono state a dir poco ondivaghe, tanto da scatenare la ormai celebre performance di Roberto Giachetti contro Roberto Speranza. E infatti oggi Giachetti ironizza ancora oggi su facebook.

D’Attorre propone comunque di proseguire la discussione concentrandosi su tre punti che costituiscono il minimo comun denominatore: abbassamento della soglia di sbarramento al Senato (oggi è all’8 per cento su base regionale e secondo D’Attorre è incostituzionale), l’estensione della doppia preferenza di genere al Senato e l’armonizzazione delle soglie di Camera e Senato. “Poi noi – ha aggiunto – faremo una battaglia contro i capilista bloccati”.

Di sicuro c’è che il Pd non si ferma e con il capogruppo Ettore Rosato chiede di calendarizzare la discussione in Aula ad aprile, una “sfida” quasi, voluta comunque da Matteo Renzi per far scoprire chi ci sta e chi no alla luce del sole. “Attendo che in Mdp facciano sintesi al loro interno tra le varie correnti – dice – Ricordo che il Mattarellum è stato votato anche da molti di loro, prima di uscire dal Pd, alla Assemblea nazionale di dicembre: il Mattarellum fu approvato all’unanimità”. Per Rosato si tratta della “legge più coerente e più facile da approvare, perché è stata già utilizzata. Alcuni gruppi dicono No al Mattarellum per scaricare sul Pd la responsabilità della legge elettorale, ma questi stessi che dicono No poi non riescono a mettersi d’accordo per avanzare una proposta alternativa”. Ai cronisti che obiettano che il Mattarellum non ha i numeri al Senato, Rosato replica che “è tutto da vedere: anche per altre riforme, come le Unioni civili, molti sostenevano che non sarebbero state approvate dal Parlamento. E invece le abbiamo fatte”.

Su tutto pesa naturalmente anche il congresso Pd, che rallenta tutto anche perché il partito è senza una linea decisa e unitaria. Tuttavia a questo punto si deve attendere prima la conclusione degli interventi di tutti i gruppi in commissione Affari costituzionali (come chiesto dal Pd la scorsa settimana) e poi la conferenza dei capigruppo della Camera che deciderà il percorso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il dottorato del ministro Madia, Minzolini, il Pd a Palermo. Rivedi la diretta con Peter Gomez

next
Articolo Successivo

Caso firme Raggi, il notaio che ha autenticato il documento: “Procedura regolare, testo valido”

next