“L’Italia non è un Paese per non obiettori” racconta con amarezza una delle molte ginecologhe che il 20 marzo hanno partecipato a Milano al IV Convegno nazionale della Libera associazione italiana ginecologi per l’applicazione della legge 194/787. “Il nostro è un percorso a ostacoli, siamo considerati lavoratori di serie B, a volte siamo perfino emarginati”. Queste sono solo alcune delle frasi che i medici non obiettori di coscienza utilizzano per descrivere il loro lavoro. “Il rischio è quello di finire a fare esclusivamente aborti per supplire ai tanti medici che hanno scelto di non farli” racconta una primaria durante il convegno. Perché secondo gli addetti ai lavori, decidere di non praticare l’interruzione di gravidanza non è sempre una scelta etica. “Spesso si tratta di una decisione di comodo“, ovvero una scelta che può anche essere fatta anche per “non compromettere una certa progressione di carriera”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ilham Mounssif, marocchina in Italia da 20 anni lasciata fuori da Camera. Boldrini la richiama: “Ora legge cittadinanza”

next
Articolo Successivo

Sessualità e disabili: “Legge sull’assistenza o disobbedienza civile. Oggi? Masturbazione e prostituzione. In politica è tabù”

next