Disposti a tutto, “per un pugno di follower“. Così è per la stragrande maggioranza degli utenti Instagram, giovani e non più giovani. Eppure proprio la ragazza più seguita del mondo ha deciso di prendersi una pausa dalla vita social: Selena Gomez, 113 milioni di follower, ha detto basta al social fotografico, almeno temporaneamente.  “Appena sono diventata la persona più seguita sul social network sono andata nel panico — ha raccontato l’attrice —. Mi esauriva. Era la prima cosa a cui pensavo quando mi svegliavo e l’ultima prima di andare a dormire. Era una dipendenza”.

In una lunga intervista a Vogue Usa, l’ex volto Disney diventata poi attrice e cantante amatissima dagli under 30 anche per via di una storia (ormai finita) con il collega Justin Bieber, ha raccontato di aver passato 90 giorni in una clinica privata del Tennessee: “Mi sentivo come se vedessi cose che non volevo vedere, come se mi mettesse in testa cose di cui non volevo preoccuparmi — ha detto —. Finisco per sentirmi da schifo ogni volta che guardo Instagram”, ha detto, confermando che l’app del social non è più presente nel suo cellulare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gino Paoli operato dopo l’aneurisma: sta bene, già dimesso: “Grazie ai medici”

prev
Articolo Successivo

Roma, al Bioparco una mostra che fa divertire i più piccoli (ma non solo). Il tema? “L’innominabile”

next