L’esercito siriano ha riconquistato Palmira, che era sotto il controllo dell’Isis. Lo riferisce l’agenzia di stampa ufficiale siriana Sana. I soldati lealisti di Bashar Al-Assad hanno occupato anche l’antica cittadella che si trova sul monte dal quale si dominano le rovine greco-romane – tra i principali siti archeologici del Medio Oriente e patrimonio mondiale dell’Unesco – parzialmente distrutte dai miliziani dello Stato islamico. I combattenti fedeli ad Al-Baghdadi avevano conquistato per la prima volta Palmira il 20 maggio 2015, diffondendo sul web video e foto delle decapitazioni di soldati lealisti.

Le unità dell’esercito governativo hanno inoltre occupato oggi una collina nella zona ovest della città e un hotel nella zona sud causando, secondo l’agenzia di stampa governativa, numerose perdite tra le file dei jihadisti. Secondo quanto riferisce l’Osservatorio siriano per i diritti umani, Daesh si è ritirato oggi dalla maggior parte di Palmira e, prima di fuggire, ha collocato mine e bombe in diversi punti della città. Gli artificieri dell’esercito, spiega ancora Sana, stanno passando al setaccio la zona per provare a disattivare gli esplosivi, mentre le unità militari avanzano lentamente.

È almeno la seconda volta che le forze governative riprendono il controllo della città: dopo dieci mesi di occupazione da parte jihadista, Palmira era già stata liberata il 24 marzo 2016: l’8 dicembre scorso, poi, lo Stato islamico ha lanciato una nuova offensiva per riprendere la città, effettivamente riconquistata l’11 dicembre. Molti i monumenti danneggiati, tra questi il Tetrapylon e la facciata del teatro romano, cui è seguita la condanna per crimini di guerra dell’Unesco. A facilitare la riconquista anche l’intervento di “forze alleate e amiche”, in particolare i miliziani sciiti libanesi di Hezbollah, dopo che la precedente liberazione della città dal controllo dell’Isis era stata possibile, un anno fa, grazie all’intervento dell’aviazione militare e dell’artiglieria pesante russa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“In diretta dal sottosuolo”. Uomo si fa seppellire in una bara per aiutare chi soffre di depressione

next
Articolo Successivo

La Svezia annuncia che ripristinerà il servizio militare di leva per il 2018

next