La notte degli Oscar e i film da vedere al cinema ogni fine settimana, il festival di Sanremo e la critica televisiva dell’Isola dei Famosi, Gianfranco Rosi e la sua corsa a Hollywood, l’opposizione del mondo della moda a Melania Trump e la narrazione romantica di Barack e Michelle Obama, le parole di Ivano Fossati e quelle di Luciano Ligabue. Ricky Gervais, Jennifer Aniston, Gael Garcia Bernal, Andrea Pazienza, Charlize Theron, George Clooney, Vincent Cassel, Maria Sharapova: ritratti, interviste, racconti di vite che non sono la nostra e che abbiamo ammirato, criticato, osservato da lontano. E ancora, le parole di Italo Calvino nell’anniversario della sua morte, le storie di chi è caduto sotto i colpi della mafia raccontate a teatro, il Giorno della Memoria celebrato e mai dimenticato, gli spunti creativi e culturali di quell’enorme agenda online che è il sito Brainpickings.

Quella di FQMagazine è stata una scommessa: raccontare il costume, la cultura, la televisione, la musica, il cinema, i viaggi, il sesso, la cucina in un rotocalco online. A poco meno di un mese dalla notte degli Oscar, che seguiremo con un ricco speciale, FQMagazine si prepara all’evento televisivo nazionalpopolare per definizione: tutti lo guardano, o quasi, anche se al mattino dopo nessuno sembra volerlo ammettere. Perché Sanremo è Sanremo, e anche quest’anno saranno molti i contenuti dedicati, ogni giorno, alla kermesse.

Dopo due anni sono oltre dieci milioni le pagine viste ogni mese su FQMagazine e oltre 3 milioni e mezzo i browser che visitano il rotocalco del fattoquotidiano.it. A farci gli auguri per questo secondo compleanno una manciata di personaggi che hanno trovato spazio nelle nostre pagine: Rosario Fiorello, Alessandro Gassmann, Amadeus, Fedez, Calcutta, Michele Bravi, Andrea Delogu, Davide Oldani, Diego Passoni, Alessandro CattelanJ-Ax, Giovanni Caccamo, Chiara Francini, Marco Liorni, Geppi Cucciari, Chef Rubio, Omar Pedrini, Billy CostacurtaRocco Siffredi. E, speriamo, molti tra voi lettori: grazie per darci ogni giorno la vostra fiducia, leggendoci.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Whatsapp, così si potranno cancellare i messaggi inviati

prev
Articolo Successivo

Paola Ferrari furiosa: “La Rai non rispetta i suoi giornalisti. Uno schifo”

next