E’ caos a Londra a causa dello sciopero di 24 ore nei trasporti urbani della capitale britannica. Milioni di pendolari hanno trovato questa mattina numerose stazioni della London Underground chiuse e sono stati costretti ad arrangiarsi al meglio: molti hanno deciso di andare a piedi al lavoro, altri hanno preso il taxi, altri ancora hanno optato per gli autobus ormai stracarichi e chi può lavorerà da casa. Iniziato ieri sera, lo sciopero del ‘tube’ proseguirà fino al tardo pomeriggio di oggi. Sono interrotti inoltre i collegamenti della metropolitana tra i terminali 4 and 5 dell’aeroporto di Heathrow e le principali stazioni ferroviarie della regione. L’astensione dal lavoro è stata decisa da due delle maggiori organizzazioni sindacali di settore, la Rmt e la Transport Salaried Staffs Association (Tssa), e votata dagli iscritti. La protesta verte sulla sicurezza, con la richiesta di stabilizzazione di tutti i precari. Per il sindaco della City, Sadiq Khan, lo sciopero dei dipendenti della metropolitana di Londra è “assolutamente non necessario” e ha esortato i sindacati a trovare un approccio alla vertenza che evitasse gli effetti dello sciopero “su viaggiatori, turisti e sugli stessi lavoratori. Il primo cittadino si è reso disponibile per una mediazione anche in corsa ma sindacati insistono per ora sul fatto di non avere scelta, denunciando la rigidità aziendale e liquidando le ultime ‘concessioni’ come pura facciata.
(video tratto dall’account twitter di )

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corea del Nord: “Possiamo lanciare missili a lungo raggio in ogni momento e da qualsiasi luogo”

prev
Articolo Successivo

A Ginevra il meeting sulla questione cipriota: ‘Chiudere la partita diplomatica’

next