Nel 2010 Arianna Ciccone, una delle fondatrici del gruppo Facebook (poi rimosso) “La dignità dei giornalisti e il rispetto dei cittadini”, raccolse in una settimana 158mila firme per chiedere al Tg1 di Augusto Minzolini di rettificare ufficialmente la notizia dell’”assoluzione” di David Mills (in realtà si trattava di “prescrizione“) – letta nell’edizione delle 13.30 del 26 febbraio 2010.

postveritacorretto

La soluzione ‘sovietica’ proposta da Grillo, quella delle giurie popolari, per valutare la veridicità delle notizie è sicuramente peggiore del male, ma che il problema esista lo dimostra una serie di casi così ampia che meriterebbe uno speciale della Gabanelli: dal metodo Boffo al caso dei calzini azzurri di Mesiano, dai “finti rom” alla bufala della Scala Mercalli “ridotta per evitare al governo di risarcire in terremotati” sino alle campagne che a ogni attentato rilanciano l’equazione: rifugiati=musulmani=terroristi.

Si può classificare come post-verità la storia del “bacio di Ilda Boccassini” riesumata 30 anni dopo? Al lettore l’ardua sentenza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grillo-Mentana, è pace fatta. Il leader M5s: “TgLa7 c’era per par condicio”. Il direttore: “Così non c’è base per querela”

next
Articolo Successivo

La legge Bacchelli per Riccardo Orioles – La lettera al premier Gentiloni di Dalla Chiesa, Roccuzzo e Ruotolo

next