Quando cammino con Roby Rosi per Montingoso, Massa, Forte Dei Marmi, Viareggio, mi diverte tantissimo vedere gli occhi stupiti di chi non lo conosce, le persone non riescono a identificarlo, forse pensano che sia carnevale, e forse hanno ragione, nel senso che Roby vive un perenne carnevale interiore fatto di gioia ed esuberanza, ma anche di malinconia dorata, con guizzi di nostalgia variopinta.

Alla fine mi viene da pensare: non è lui a essere eccentrico, cari sconosciuti, siete voi che siete concentrici.

Con Roby la vita è champagne, bollicine che vanno verso il cielo della fantasia, con Roby anche il tristo mietitore per un attimo nutre dubbi sul proprio sarto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tariffe di luce e gas, pensioni in ritardo e banche rapaci: il buon anno ai cittadini

prev
Articolo Successivo

Rete nazionale dei registri tumori: tra mancanza di decreti attuativi e il nodo privacy, i motivi di un’incompiuta

next