Parlano alcuni dei 1.500 migranti ospitati da molti mesi nel centro di accoglienza di Conetta, in provincia di Venezia. Lo stesso dove tra lunedì e martedì è scoppiata una rivolta dopo il decesso di una ragazza ivoriana (che, si è accertato dopo, sarebbe morta però per cause naturali). Parlano di condizioni difficili, di freddo, acqua fredda e di lungaggini per avere risposte sui loro documenti di soggiorno. Parla anche il sindaco di Cona, Alberto Panfilio: “Mai avuto criticità con questi ragazzi. Quello che i migranti scrivono nei loro cartelli di protesta è lo stesso che chiediamo anche noi: che sia definito una volta per tutte un sano progetto di accoglienza o non accoglienza. I migliori alleati per i cittadini di Conetta sono proprio questi ragazzi”’

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gay, Giovanardi: “Si parla sempre bene di loro, ma Foffo e Prato non vengono mai raccontati”

prev
Articolo Successivo

Veneto, gli strani incendi nel settore dei rifiuti: più di venti in due anni. Investigatori: “E’ mafia senza mafiosi”

next