Parlano alcuni dei 1.500 migranti ospitati da molti mesi nel centro di accoglienza di Conetta, in provincia di Venezia. Lo stesso dove tra lunedì e martedì è scoppiata una rivolta dopo il decesso di una ragazza ivoriana (che, si è accertato dopo, sarebbe morta però per cause naturali). Parlano di condizioni difficili, di freddo, acqua fredda e di lungaggini per avere risposte sui loro documenti di soggiorno. Parla anche il sindaco di Cona, Alberto Panfilio: “Mai avuto criticità con questi ragazzi. Quello che i migranti scrivono nei loro cartelli di protesta è lo stesso che chiediamo anche noi: che sia definito una volta per tutte un sano progetto di accoglienza o non accoglienza. I migliori alleati per i cittadini di Conetta sono proprio questi ragazzi”’

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gay, Giovanardi: “Si parla sempre bene di loro, ma Foffo e Prato non vengono mai raccontati”

next
Articolo Successivo

Veneto, gli strani incendi nel settore dei rifiuti: più di venti in due anni. Investigatori: “E’ mafia senza mafiosi”

next