Parlano alcuni dei 1.500 migranti ospitati da molti mesi nel centro di accoglienza di Conetta, in provincia di Venezia. Lo stesso dove tra lunedì e martedì è scoppiata una rivolta dopo il decesso di una ragazza ivoriana (che, si è accertato dopo, sarebbe morta però per cause naturali). Parlano di condizioni difficili, di freddo, acqua fredda e di lungaggini per avere risposte sui loro documenti di soggiorno. Parla anche il sindaco di Cona, Alberto Panfilio: “Mai avuto criticità con questi ragazzi. Quello che i migranti scrivono nei loro cartelli di protesta è lo stesso che chiediamo anche noi: che sia definito una volta per tutte un sano progetto di accoglienza o non accoglienza. I migliori alleati per i cittadini di Conetta sono proprio questi ragazzi”’

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gay, Giovanardi: “Si parla sempre bene di loro, ma Foffo e Prato non vengono mai raccontati”

next
Articolo Successivo

Veneto, gli strani incendi nel settore dei rifiuti: più di venti in due anni. Investigatori: “E’ mafia senza mafiosi”

next