Nel Comune di Malnate è guerra ai proprietari dei cani che non raccolgono gli escrementi dei loro fidi amici: come spiegano le pagine locali del Corriere della Sera, un regolamento in fase di elaborazione darà otto mesi di tempo per recarsi del veterinario e procedere con la schedatura dei Dna attraverso un prelievo salivare. E a quel punto sarà multa sicura. “L’abbandono delle deiezioni è un abbandono di rifiuti – ricorda l’assessore all’Ambiente Giuseppe Riggi – La procedura prevede che l’operatore ecologico impegnato nella pulizia manuale, affiancato da un agente della Polizia locale per la notifica – effettui il campionamento della deiezione abbandonata, e la invii al laboratorio incaricato per le analisi del Dna. Avuto l’esito del raffronto tra il Dna del campione e quelli contenuti nella banca dati, sarà possibile risalire all’animale e procedere a sanzionarne il proprietario incivile”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ovetto Kinder, morto l’inventore William Salice. Con la liquidazione della Ferrero aprì un campus d’eccellenza per i giovani

next
Articolo Successivo

500 mila euro per partecipare all’Eurovision: la strana storia di Tony Maiello e la Repubblica di San Marino

next