alberiVi è mai capitato di provare una certa pena nell’anima quando qualche operaio armato di motosega o di accetta abbatte violentemente un albero? Beh certo vi capiamo, perché anche gli alberi hanno un’anima. E poi dormono, parlano, si ammalano e guariscono aiutandosi l’uno con l’altro. Per spiegarvi bene cosa succede quotidianamente ai pini e ai cedri libanesi, alle betulle e ai poppi, alle roverelle come alle querce (a proposito se è sola in mezzo alla città vive centinaia d’anni, se in compagnia di qualche faggio in mezzo al bosco rischia di morire), ci ha pensato Peter Wohlleben, l’ex guardia forestale tedesca che oggi dirige un’azienda forestale ambientalista in cui pratica il ritorno alla foresta vergine, e che ha pubblicato il libro La vita segreta degli alberi (Gruppo Macro). Una curiosità soltanto studiata dall’autore senza raccontare tutto il ricco resto: a quanto pare lo scambio di sostanze nutritive attraverso le radici e l’aiuto tra vicini in caso di necessità sono la regola tra gli amici alberi. Sempre sul tema suggeriamo la recente bibliografia di Tiziano Fratus: L’Italia è un bosco, Il libro delle foreste scolpite, L’Italia è un giardino, tutti editi da Laterza, in cui l’autore porta in giro il lettore per arbusti, foglie e piante, costruendo un amoroso e affascinante viaggio ecologico in Italia. A ciò aggiungiamo una struggente storia a fumetti intitolata L’albero (Salani editore) disegnata da Shel Silverstein. Poche pagine per illustrare il rapporto eterno e totalizzante tra un bimbo e un albero mentre scorre il tempo e le esigenze del bambino fattosi uomo paiono essere più distruttive per l’albero che mai. Non preoccupatevi, però, c’è un happy end.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Carlo Emilio Gadda aveva spiegato Trump settant’anni fa

prev
Articolo Successivo

‘La morte nera’ e il fascista che è in noi

next