Silvio Berlusconi a favore del reddito di cittadinanza “come il M5s”. A dichiararlo è stato lo stesso ex Cavaliere durante la presentazione del libro di Bruno Vespa del 21 dicembre scorso. “Noi con i 5 stelle condividiamo l’idea perché ci sono 4 milioni e 600mila cittadini nella povertà e solo con la carità possono sopravvivere”. E ha concluso: “L’aiuto a queste persone dovrebbe costare 16 miliardi”.

Il reddito di cittadinanza è uno dei punti del programma M5s e gli stessi grillini hanno presentato una proposta di legge sull’argomento in Parlamento. Oggi a ribadire l’apertura sul tema è stato Simone Furlan, membro dell’ufficio di presidenza di Forza Italia: “Sosteniamo la proposta del nostro presidente Silvio Berlusconi: in Italia occorre istituire il reddito di cittadinanza per dare una risposta concreta a tutti i cittadini che vivono una condizione di povertà. Forza Italia si conferma, ancora una volta, l’unica forza politica che ha a cuore i problemi veri del Paese. Mentre Renzi e il Pd giocano al governo-fotocopia, noi pensiamo agli italiani, guidata dalla saggezza del nostro presidente”.

A gennaio scorso in realtà Berlusconi aveva criticato fortemente la proposta dei grillini. “Imperativo è battere il M5s“, aveva detto durante una riunione dei gruppi Fi. “Ho avuto contatti con Paolo Becchi che mi ha fatto vedere il loro vero programma e ho scoperto, per esempio, che il reddito minimo di cittadinanza pensano di finanziarlo con la tassa di successione: 50 percento dei beni ereditati va agli eredi, 50 allo Stato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Formigoni condannato, Pd e M5S: “Con Maroni nessuna discontinuità”

next
Articolo Successivo

Torino, Pd fa approvare mozione che obbliga Appendino a rientrare nell’Osservatorio Tav

next