Sublime momento musicale a L’Importante è avere un piano – il programma di Stefano Bollani in onda su Rai 1 – con Andrew Bird, il grandissimo musicista statunitense che ha dato vita ad una versione struggente di Stand by Me suonata al violino e a tratti “fischiata”, creando una rivisitazione tutta personale e unica del brano.
Nel late night show di Bollani, come sempre, il fil rouge resta la grandissima musica portata in scena da ospiti illustri come Chucho Valdes, uno dei più famosi e importanti musicisti cubani di jazz viventi, vincitore di ben 5 Grammy Awards, che con Stefano Bollani ha dato vita ad un pezzo di grande virtuosismo che ha incantato il pubblico. E ancora, la magica voce della cantante di musica popolare spagnola Silvia Perez Cruz, il camaleontico Neri Marcoré che, tra una gag e l’altra, si è anche esibito in una personale versione di Share your tail feather dei Blues Brothers, il grande trombettista jazz Enrico Rava e i musicisti napoletani che insieme con Bollani hanno realizzato progetto musicale “Napolti Trip”, che è un disco e un live che il pianista porta in giro con successo in tutto il mondo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

A “L’importante è avere un piano” di Bollani, Neri Marcorè canta i Blues Brothers

next
Articolo Successivo

Su Sky Atlantic torna il “Racconto del reale” con Follow the paintings

next