Peggio la toppa del buco: da ieri il ministro (all’Università!!!) Valeria Fedeli non è più laureataHa rimosso dal proprio curriculum la parola incriminata: “Laureata”.

Come se bastasse una riga di bianchetto, tipo quegli universitari che cambiano il voto sul libretto per paura di essere sgridati, per eliminare la dichiarazione falsa.

Se possibile le spiegazioni di Fedeli e dei suoi collaboratori peggiorano ulteriormente la situazione: “Mi hanno voluto colpire per le posizioni sul gender“. Oppure: “A prova della sua buona fede ha corretto la frase “diploma di laurea” in semplice “diploma””.

Altra inesattezza, diciamo così: sul curriculum ufficiale – prontamente fatto sparire – era scritto proprio “laurea”.

Il punto è un altro: non il gender, ma la verità.

Se uno studente di università tarocca il curriculum non viene punito? Perché invece il ministro dell’Università resta ?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valeria Fedeli: “Se avessi voluto mentire o truffare avrei scritto laurea e basta. Sconcertata da tanta aggressività”

next
Articolo Successivo

Scuole paritarie, arrivano i fondi ma restano molti casi di docenti non pagati. E’ il ricatto dei punteggi. “Allarmante”

next