Nella partita VivendiTelecom entra a gamba tesa – e in via preventiva – l’Agcom. L’authority per le garanzie nelle comunicazioni ha ricordato che potrebbero essere vietate operazioni volte a concentrare il controllo di Telecom Italia, di cui il gruppo di Vincent Bolloré è primo azionista, e Mediaset, di cui il finanziere bretone ha acquisito il 20% con un’operazione definita “ostile” dalla famiglia Berlusconi. Il nodo riguarda i tetti anti-concentrazione previsti dalla legge Gasparri del 2004: le imprese di comunicazioni elettroniche che detengono nel mercato italiano una quota superiore al 40% non possono acquisire ricavi superiori al 10% del Sic (Tv, radio, editoria). E Telecom, segnala l’Agcom, detiene il 44,7% della quota del mercato prevalente delle tlc e Mediaset una quota del 13,3% del Sistema Integrato delle Comunicazioni.

Di conseguenza l’autorità, “in qualità di soggetto di controllo delle norme anticoncentrazione nei mercati delle comunicazioni, intende richiamare – alla luce di operazioni in corso sui mercati azionari – che il Testo Unico dei Servizi di Media Audiovisivi e Radiofonici stabilisce un divieto al superamento dei tetti di controllo“.

Alla luce di una preliminare analisi su dati 2015, Telecom Italia – di cui Vivendi ha il 24,68% – risulta il principale operatore nel mercato delle comunicazioni elettroniche, detenendo il 44,7% della quota nel mercato prevalente delle telecomunicazioni, sottolinea l’Agcom. Mediaset, società operante nel settore dei media e dell’editoria, il cui azionista di maggioranza è Fininvest con il 34,7% del capitale, raggiunge nel 2015 una quota del 13,3% del Sic. Questi dati evidenziano che operazioni volte a concentrare il controllo delle due società potrebbero essere vietate, sottolinea l’Autorità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rc auto, Antitrust avvia procedimento su possibile intesa restrittiva della concorrenza per tenere alti i prezzi

prev
Articolo Successivo

Intesa Sanpaolo, multa da 235 milioni di dollari negli Usa: “Aggirati i controlli antiriciclaggio nelle transazioni con l’Iran”

next