L’Antitrust sospetta che le principali compagnie assicurative attive in Italia si siano accordate per limitare la concorrenza e tenere alti i prezzi. Per questo l’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha avviato un’indagine nei confronti di Unipol Gruppo Finanziario, UnipolSai Assicurazioni, Linear, Allianz, Genialloyd, Generali, Genertel, AXA Assicurazioni, Cattolica, FATA Assicurazioni Danni e TUA Assicurazioni con l’ipotesi di intesa restrittiva della concorrenza in violazione dell’articolo 101 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea.

Il procedimento, si legge nella nota dell’authority, “trae origine da alcune recenti dichiarazioni pubbliche del Gruppo Generali e del Gruppo Unipol, riferite al complesso del mercato, in merito all’eliminazione delle dinamiche competitive sul prezzo delle polizze Rc Auto e alle rispettive strategie di prezzo sui propri aumenti dei premi”. Dichiarazioni che “potrebbero far venire meno l’incertezza sulla strategia futura di prezzo delle polizze auto e alimentare l’aspettativa che a eventuali aumenti, essendo generalizzati tra i principali player, non segua il rischio di perdere clienti, ossia potrebbero essere manifestazione di un’intesa restrittiva della concorrenza tra i principali operatori circa una possibile fine della guerra dei prezzi”.

L’avvio del procedimento è stato notificato giovedì nel corso di alcune ispezioni effettuate dall’Autorità in collaborazione con il Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza. Sono state ispezionate le sedi di UnipolSai, Allianz, Generali, AXA e Amissima e dell’Ania, la lobby del settore.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforma banche popolari, Consiglio di Stato contesta anche il ricorso al decreto legge: “Non c’era necessità né urgenza”

next
Articolo Successivo

Mediaset sotto assedio, Agcom: ‘Possibile veto su operazioni che portino Vivendi a controllare sia Telecom sia Cologno’

next